Anniversario Don Ivo

 

Santa Maria in Via

Siamo qui riuniti, per commemorare la scomparsa di Monsignor Ivo Gentili e per celebrare i 25 anni della fondazione della chiesa "Santa Maria in Via". Innanzitutto vogliamo ringraziare le autoritÓ presenti: sua eccellenza Francesco Giovanni Brugnaro Vescovo di Camerino, il Vicario Generale Monsignor Mariano Blanchi, l’avvocato Franco Ceragioli primo cittadino di Sarnano, il Dott. Fiorenzo Calcagnoli sindaco di Sarnano 25 anni orsono, il Dott. Federico Marconi ex sindaco di Sarnano. Insieme a loro ringraziamo il fratello di Don Ivo Matteo, la cognata Sira, i nipoti Serafino e Nilla e i pronipoti, tutta la comunitÓ di Coldipastine, le associazioni, le autoritÓ civili e religiose intervenute e tutti gli amici che lo conobbero e lo stimarono. Il nostro pensiero, vÓ doverosamente a ricordo di Monsignor Ivo che tanto si Ŕ prodigato per la realizzazione di questa opera, rispettando il suo ideale di un luogo di riunione e preghiera fortemente legato e intimamente connesso al paesaggio e al territorio che lo ospita, riflettendo nel nome lo spirito di "NOI" abitanti di questa frazione. Noi che legati a Coldipastine da un incommensurabile senso di appartenenza siamo sempre in viaggio tra le attuali residenze e questo luogo di origine, nostro e dei nostri cari, con lo scopo di poter conservare nel tempo le nostre tradizioni e la nostra amicizia e trasmetterle ravvivate e rinnovate alle nuove generazioni, che ci rallegrano e ci onorano con la loro assidua presenza. Volgiamo poi il nostro pensiero e la nostra riconoscenza al compianto Don Alfredo Arcangeli che in questi trascorsi 25 anni ha assicurato con il suo impegno e la sua azione presso le autoritÓ religiose la continuitÓ nello svolgimento delle funzuioni sacre nel periodo estivo. Raccomandiamo a chi ne ha la responsabilitÓ, di operare affinchŔ tali funzioni proseguano con regolaritÓ in modo da mantenere inalterata la forte capacitÓ di aggregazione e di preghiera che questi preti a noi cari, sempre vivi nei nostri ricordi, hanno fortemente voluto assegnare a questo luogo di culto. Noi gli saremo grati e ogni volta che staremo qui di fronte a questo lieto paesaggio che ci circonda, ci sentiremo pienamente appagati e orgogliosi di appartenere a questa comunitÓ. Qui dove la montagna e le case non si perdono mai di vista, dandoci immutabile la sensazione continua della nostra posizione e della nostra misura umana.

GRAZIE GRAZIE GRAZIE DON IVO TE NE SAREMO ETERNAMENTE RICONOSCENTI.

Amedeo Gentili


LI VECCHJ AVITANDI DE LU COLLE

 Qui ci statýa DOMENICO TARAMMELLI  - che tutti lu chiamÓa per˛ ”Mimittu”; - lla casa se riggia su du’ pundelli,  - per   rendrÓ su c’era un passaggiu strittu - du’ taole menze storte, cumme tacchie, - sotto c’era le stalle cˇ le vacche. - La casa de Mimittu era ’ttaccata   - c­ quella de Frangý de Piruscý,- FRANCESCO PERUGINI de casata; - quistu dicýa solo “no” e “sci”, - era distindu e de poche parole, - mentre la moje, tra le cazzarole, - per non Ŕsse’ scambiata con ’che atra, - che, cumme essa, ci-aýa lu stessu nome, - a lu sua, je dette ’na slongata, - de lu maritu messe lu cognome - e pˇ de tutti se facýa dý: - “Io me chjamo Maria de Piruscý” - Che pˇ edera quella che in famiglia, - gni cosa commannava a meravija. - Pure  GIULIO   era ’ n atru PERUGINI, - ’n omu forte, rovustu, cˇ la moje - che “ANNETTA “ era chjamata dai vicini; - adesso che la rima me ce coje, - ve dico pure, porca la paletta, - che era chjamatu Giulio de Annetta. - Pure ANTONIO GENTILI era famosu - e la moje MARIA  se chjamava; - pe’ la famija edera prenurosu, - ma cˇ lu nome tutti due jocava, - perchÚ And˛ era “ And˛ de Maria”, - a essa “Marý de And˛” je se dicýa. - Tra li GENTILI c’era anche GIUSEPPE, - che era chjamatu “Peppe de li frÓ”; - era un gran laoratore e fra le streppie, - scassÓa la terra e ce mittia lo grÓ. - Lu nome de la moje era MARVINA - che ’gni mumendu je statýa vicina. - SERAFINO GENTILI  era lu patre - de lu poru don Ivo, facýa tutto - e lu troÓvi sembre de ’gni parte - tande Ŕ le cose che mittýa a frutto: - rrettoppava le scarpe e pˇ scannava - pure li porci, e quanno se tribbiava, - la li varg¨, ’n menzu de li prati, - statýa sembre sotto le vocchette; - lo grÓ rimbja li sacchi preparati - e Serafý, facýa le ’ntacchette - per condacce li rubbj de lo grÓ, - su un zippu che portava su le mÓ. ’N atru  PEPPE GENTILI, era chjamatu - “Peppe de Menneca”, nome de la matre, - pure “Lu Lebbre” soprennominatu, - e ne dicýa tande de frescate! - Cˇ ’lle zampette sembre che currýa - e de londano pure ce sindýa. - ’Na ’˛te che statýa coll’amici - je desse.”Li vedete quilli lÓ? - Quilli me porta sembre malifici, - li sendete, Ŕ de me che sta a sparlÓ!” - Ma quilli due statýa londano assai - nisci¨ la’rria pututi sindý mai!. - QUERINO TARAMMELLI ci-aýa la casa - sotto quella de Peppe de li frÓ, - ma mo der tutto questa Ŕ stata rasa, - Querý de MALIA qui pi¨ non ci sta, - ma issu, sembre, quanno se tribbiava, - statýa su lu pajÓ che ’nforconava. - MODESTO GENTILI era cunusciutu  - cumme ModŔ o meglio “zi’ ModŔ” - chÚ cumme ziu de tutti era tinutu - de quilli ciuchi e grossi e sa perchÚ? - PerchÚ issu la moje non ci-aýa - e ziu de tutti quasci se sindýa. - E lu fratellu sua era MEDEO, - che era lu maritu de Sulina, - era lu nonnu de quistu Medeo - che sta a laorÓ da stamatina - e de Sirvano che edŔ lu fratellu - e quistu pure non Ŕ pi¨ un munellu. - BIAGIO GENTILI, che era dittu  Viasciu, - e era ’na persona de gran sennu, - lo era statu pure da vardasciu, - pe’ ’gni cˇsa ci-aýa un proverbiu o un cennu. - La moje sua era ’m bu ciuchetta, - per questo tutti la chiamÓa NENETTA. - Lý ’n casa sua, che era bella grossa, - se organizzava le feste da vallu, - lu varzere, lu tangu cˇ la mossa. - Le donne se mittýa anche lu corallu - pe’ Ŕsse’ pi¨ belle e potÚ ’ccalappiÓ - quarche piscittu vˇnu da sposÓ. - Biasciu era pure tandu riservatu - che, mitti casu che je ’bbisognava - un quarche cˇsa che era terminatu, - fusse un pizzicu de sale che smancava, - fastidiu non mulýa da a nisci¨, - java a SarnÓ a comprallo e rvinýa su. - RIGHETTO  de GENTILI pure c’era, - per soprannome je dicýa “GAI’”. - Lu jornu, dopo pranzu e anche la sera, - d’istate, se mittýa su li scalý - davandi casa e via a rosecÓ - li pezzi de tavacco e pˇ a sputÓ. - Era cˇ tutti quandi assai severu, - le mosche su lu nasu se leÓava - sembre da sulu e non era un penzieru; - quanno che la lu cambu laorava, - la moje ci statýa che era LISENA - je preparava sembre pranzu e cena. - De GENTILI  ce n’era ‘ý’n atru ancora - DOMENICO,   “LU PIZZU” era chjamatu; - pure issu tavacco, a ’na cert’ora, - rosecava, pˇ, menzu strongecatu, - lo sputava londano cˇ ’na forza - e su li labbri je rmanýa la scorza. - La moje DIONILLA era chjamata, - de fiji ce n’a’aýa ’n par de maschj, - de femmine ce n’era ’na coÓta - e pe’ non facce nasce li contrasti, - li nomi cominciava tutti in Gý, - che pressu a pˇcu je vinýa cuscý: - Ginesio, Gerardo,, Girda, Gina, - pˇ Genoveffa, Germania…’na jicina. - FIDENZIO SALVATORI era  “FidŔ”, - un omo saggiu, vˇnu e tandu carmu, - e tutti lu chjamÓa “compar FidŔ”, - e quanno lo sindýa rcriscýa de ’n parmu, - perchÚ ecco lu Colle, quasci tutti - j’era compare e quilli era li frutti. - E mo, se me credete, in confidenza, - FidŔ pure con me era compare; - quanno me cresemai fu, che ’spirienza! - Cˇ issu c’era pure la commare, - che era per tutti la “Commare ADORNA!” - Mo ’na coppia cuscý pi¨ non se sforna. - ALFONSO  de TARDELLA  era un omu - con una grossa personalitÓ, - ’m bu vurberu era sci, ma galantomu - e tanda simpatýa sapýa da’. - Scriýa versi e je vinýa vrillandi - anche se tandi li facýa piccandi. - Rimbja lu tembu a fa’ lu falegname - e era espertu pure pe’ le mine, - per fa’ li cundi edŔra vestiale - e tutte le sapýa la tavelline; - li probremi difficili, per issu, - era cumme a jocÓ cˇ ’n virivissu. - Cˇ la consorte QUINTA ’na famija - de sette maschj l’ha tirata su, - sortanto che ’gni tandu la vuttija - de vý’, cˇ tutta quella joend¨, - je mostrava lu funnu, e allora via…- che java jˇ la vˇtte e rrerrimbja.. - Per du’ ˛te in America edŔ statu - a guadagnÓ ’che sordu pe’ li fiji, - ma non Ŕ statu tandu furtunatu - perchÚ, pe’ ’na gran serie de scumpiji, - j’Ŕ rmastu un desideriu non - sulutu: - lu patre sua no’ l’ha cunusciutu. - E ci statýa ITALO TOSSICI - che era dittu “ITOLO de Rosa”, - non je piacýa a fa’ li sacrifici - lÓ pe’ li cambi, era faddicosa, - la vita in cambagna era troppu infame, - e se mittia a fa’ lu falegname. - Facýa l’attrezzi pe’ li contadý, - li mÓnnichi mittýa a sappe e pale - e ce remediava  li quatrý, - facýa le forche, era punduale - perchÚ sapýa che lu contadinu, - ci-ha scarpe grosse e lu cervellu finu. - FIORELLO GENTILI era ’m bu diversu, - se distinguýa tra li contadý, - era un grand’omo, probbiu fattu a versu; - tandu liggýa e questo se po’ di’ - perchÚ de poesie n’ha fatte tande - de storia e satire anche martellande. - De CLEOFE MORICONI era maritu, - statýa de casa lÓ sotto lu pratu, - ancora troppu giovane rapitu - a la famiglia e anche pi¨ sfurtunatu - fu lu fratellu NELLO che murý, - la moje Rosinella lasci˛ qui. - ’GNILUCCIU ci statýa, quillu de DINA, - RIGHETTO ROCCHI  Insieme con DOVILIA - che se ’dattava a fa’ la contadina, - FRANCESCO GIANNINI  che Ŕ Frangý de MILIA, - CARLO  GIANNINI, lu primu che partý. - GUERRINO GENTILI, detto anche GUIRI’; - de quistu ancora tira avandi piano - LEONIDA, la fija, a Lariano. - NEN╚ BURATTI edŔra un caporÓ, - facýa le squadre per tajÓ li vˇschi - e le portava, dopo, a laorÓ; - mannÓa la per Velletri li pi¨ tˇsti - e quilli co’ l’aspettu de signora - li ’ccombagnava lÓ Rocca Priora. - Se permettete ancora ’na parola. - c’era anche la famiglia de SCASCIOLA. E pˇ ci ni starrýa ancora tandi, - per˛ de tutti no’  nze pole di’, - cumme le litanie de li Sandi - che fino a jornu ancˇ statýmo qui; - per˛ era tutte quande brae persone - esembiu a tande generazione.   

Cildipastine, 13 agosto 2009  Egidio Mariotti   25░ della scomparsa di Mons. Ivo Gentili

 

 

 

 

 

 

Chiesa.jpg (1211679 byte)

Chiesa_1.jpg (571590 byte)

DSCN0371_1.jpg (364594 byte)

DSCN0390.JPG (401219 byte)

DSCN0349.JPG (205685 byte)

DSC02044.JPG (54329 byte)

DSC02077.JPG (63066 byte)

DSC02057.JPG (71826 byte)

LA CHIESA DI COLDIPASTINE

Nell’anno 1983, don Ivo Gentili mi incaric˛ di progettare una piccola chiesa nella frazione natale di Coldipastine nel Comune di Sarnano.

Don Ivo si era sempre identificato con la frazione e con la gente che la abitava, e lui era molto orgoglioso di questo, quindi gli proposi un progetto che rappresentava una estensione della frazione all’interno della chiesa e questa doveva essere parte integrante della frazione. Ne deriv˛ uno spazio che individuava il momento della preghiera come parte integrante della vita quotidiana dell’uomo cristiano, che non separa la vita secolare dalla spiritualitÓ.

La chiesa edificio divenne trasparente da ogni parte, proprio per confrontare il momento di meditazione e spiritualitÓ, con gli eventi di vita che avvengono all’esterno, esaltando cosý un confronto diretto ed intersecato delle due componenti del vivere umano.

Nei nostri giorni alcuni per pensatori e politici, tendono ad imporre una distinzione tra la vita materiale secolarizzata, che chiamiamo laica, e la vita spirituale, e quest’ultima non deve interferire con la vita materiale, altrimenti si avrebbe uno stato etico.Le azioni, le manifestazioni e le visioni della vita per ogni uomo, comunque derivano dai concetti e convincimenti spirituali, o quantomeno filosofici che ognuno ha e non si possono separare.

La chiesa edificio trasparente, quindi Ŕ, e deve essere, il prolungamento dello spazio urbano tridimensionale dove vive l’uomo con tutte le sue azioni e concezioni. Il vangelo invita e propone un modo di vivere, non un modo di meditare, Ges¨ materialmente e di proposito si Ŕ fatto uccidere per dimostrare che dopo la morte c’Ŕ una vita, e non il nulla , quindi la professione di fede cristiana si materializza nella vita di tutti i giorni, nel confronto con il mondo circostante.

Questa concezione di un edificio-chiesa fu bocciata dalla commissione della Curia di Camerino dove era presente anche un architetto, fu definita una concezione panteista e pertanto da rifiutare.

Don Ivo, invece accett˛ con entusiasmo di realizzare una chiesa cosý concepita, e volle che fosse realizzata, e la dedic˛ a SANTA MARIA IN VIA.

Giuseppe Gentili architetto.

 


La Chiesa di Don Ivo

Proprio qui su questa collinetta Don Ivo l'ha voluta , questa particolare Chiesa tanto desiderata.   Su questo posto lui guardava ogni mattina,  quando di buon ora dalla finestra si affacciava.  Di questo progetto da tanto tempo ne discuteva,  con qualche persona spesso si confidava. 

Era un pensiero fisso che lo tormentava,  e su quel suo disegno semplice rifletteva. Sulla piantina del comune guardava accorto,   sul foglio ventisette la particella quella interessata.  Su e gi¨ per la frazione ogni sera solo ed assorto, si accendeva una sigaretta e faceva una passeggiata.

La bella decisione non tard˛ ad arrivare,   un valido architetto decise di interpellare. L'idea era stupenda ed anche invitante,  specialmente per un architetto giovane e intraprendente. Lui  con professionalitÓ un progetto volle presentare,  completo di argomenti e spiegazioni per ben figurare.  

Quel suo progetto estroso si prestava  per commentare, ma le ragioni esposte dritte al cuore vogliono arrivare.  Rappresentava infatti una sorta di estensione, all'interno della Chiesa di tutta la frazione. Una Chiesa tutta di vetro e quindi trasparente, collegando la spiritualitÓ con tutta la gente.

Le curve gradinate hanno una proprietÓ, quando ci parli davanti l'eco puoi ascoltÓ. Cosi preso dallo slancio e da tanta emozione, Don Ivo accett˛ e diede il via alla realizzazione.

Quella collina doveva essere ben modellata, secondo quel progetto e non spianata.  Solo un professionista venuto da lontano, disse che si poteva minare senza far tanto baccano. Con mine silenziose e poco fragranti,  in poco tempo e con stupore dei presenti. La collina la tramut˛ in gradinata,  cinque alti gradini al centro, ai lati la scalinata.

Per completare l'opera occorreva unaltro artista, un costruttore  esperto un vero professionista. Con tavole e ferri confeziona la gradinata, poi con il cemento fa una spessa gettata. Sopra quella struttura di grossi ferri e di cemento,  un tetto inclinato con degli obl˛ non per ornamento. Sono cinque grandi fori disposti a croce, Ŕ quello che distingue, no soltanto per fare luce.

Questa ora Ŕ la  Chiesa che Don Ivo  ha lasciato, per noi per questa frazione orgogliosamente  sempre si Ŕ identificato.  Alla Madonna "Santa Maria in Via" Lui l'ha dedicata, per augurar fortuna alla gente che su questa e per questa via Ŕ passata. Noi con semplicitÓ, umiltÓ e devozione, lo ricorderemo sempre con tanta emozione.

Alberto Tardella


DSCN0378.JPG (399816 byte)

dscn0373.jpg (37167 byte)

dscn0375.jpg (44493 byte)

dscn0376.jpg (41535 byte)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

WB01728_.gif (149 byte)

 


Argomento 5