<<<back         Versi

Dialettali

Improvvisati

Era una usanza che aveva preso corpo in modo molto sentito in tante parti dell'Italia in quel periodo. Cosi pure a Coldipastine molti, uomini e donne, si cimentavano a formare dei versi, in  ogni occasione.  

 

In occasioni di lavori di gruppo come la mietitura cantavano e si inventavano versi, i cosi detti "Ca'ndi a Va'toccu", spesso tra uomini e donne con punzecchiate piccanti. 

 

Alcuni erano particolarmente dotati nell'inventare versi per gli sposi, durante il pranzo, specialmente verso il finire quando il clima era più caldo. Questi si avvicendavano presso il tavolo degli sposi dedicando i versi alternativamente alla sposa e allo sposo, coinvolgendo spesso anche i genitori degli stessi.

 

Ci sono poi poesie più impegnative degne di essere apprezzate. Ciascuno può leggerle e valutarle se vuole. Cliccate sul nome dell'autore >>>   

 

 

 

Fiorello G.-Satira    | Salvatore P- Poesia 
 
 

 

 

 
 
 

 

La donna qua'nno è' ve'cchia pe'rde 'gni vi'rtu', le za'mpe je' fa' cianghe'tta e la "ghita'rra" nun je so'na più

------------

La donna quando e' vecchia perde tutte le virtù', le gambe gli fa cianchetta e la "chitarra" non gli suona più'.

Era na' vo'rda che "berta" filava ora nun fila più te'sse la tela.

----------------

Era una volta che "berta" filava ora non fila più tesse la tela

Conda e riconda se'mbre la mejo pecora ce ma'nga.

--------------

Conta e riconta sempre la meglio pecora ci manca.

 

Non  mi ma'nnare va'sci co la posta perche' pe strada lo perdono 'l sa'pore, se me li vo'li da' dammeli su la vo'cca cusci' potro' sindi'  lu gu'stu dell'amo're.

-----------------

Non mi mandare baci per posta perche' per strada perdono il sapore, se me li vuoi dare dammeli sulla  bocca cosi potra' sentire il gusto dell'amore.

La sera de 'sta sera nun'se ma'gna - a li ragazzi non je la do' vinta - se no' la pija troppa la galla'nza.

                     -----------------

Probabilmente per dare una lezione al comportamento dei figli, questo il provvedimento del genitore: La sera di questa sera non si mangia - ai ragazzi non concedo di averla vinta - altrimenti prendono troppa libertà.              

Quantu me pare vellu 'stu cunvittu, sia vinidittu chi la' organizzatu  sembra propriu un giardinu fiuritu tutta la jente che sta' da quistu latu lo vi' a chi lea e chi mette l'appititu  a chi je tronca le gambe a chi lu capu io beo questo vi' e nun me fa jnente beete pure vui co' me allegramente

 

Ricordi di Emma  C.  poesia dedicata al Pecoraio

“lu pecora' qua'nno va' a maremma; Je sembra d’e'sse 'n principe o un nota'; La coda della pecora e' la penna; Lu si'cchiu che ce mo'gne lu calama';  

---------------------

Il pecoraio quando va in maremma; Gli sembra di essere un principe o un notaio; La coda della pecora è la penna; Il secchio che ci munge è il calamaio;

 

Ricordi di Emma  C.  poesia dedicata al Pecoraio

Chi per marito un pecoraio piglia; Non è' ne maritata ne zitella; Nove mesi in maremma e tre in montagna; Perde la gioventù e non fa famiglia; 

Forse un frammento di una lunga poesia  di Fiorello  G. dedicata a Piobbico e ricordata da Emma  C.

Piobbico un paesello d'appennino - Dove si raccoglie poco grano - Tirano avanti il loro baracchino - Tredici mesi nell’agro romano - Piobbico è bello e per chi non conosce - Si crede che in Italia non ci sia - Le ragazzette con le guance rosce - Mandano tutti gli uomini in pazzia.

(Le usanze marchigiane per una vita sana e salutare) Versi dettati da Arturo  T.

Colazio' a bonora - Pranzu quanno e' ora - Merennettta nun tarda' - Se no''nte gusta lo magna'.

Lu Murato'   (Ricordi di Emma   C.)

Lo mio amore fa' lu muratore; vinitelu a vede' cumme fa' ve'ne; Prima mette la calce poi il mattone; Poi vutta un suspiru per il suo amore; Prima mette il mattone e poi la calce; Poi vutta un suspiru  pe l’amante;” 

Testo pulsante

Il Muratore

“Il  mio amore fa il muratore; Venitelo a vedere come fa bene; Prima mette la calce poi il mattone; Poi butta un sospiro per il suo amore; Prima mette il mattone e poi la calce; Poi butta un sospiro  per l’amante;”